Crea sito

Tag Archive for Spagna

LA STORIA DELLA NAZIONALE SPAGNOLA DI CALCIO

Il 19 settembre 2011 la posta spagnola metterà in vendita due interessanti foglietti composti da 5 valori e 1 vignetta ciascuno che ripercorrono la storia della nazionale di calcio di Spagna dal 1900 al 2010. Dopo le grandi vittorie della selezione rossa e i successi internazionali del Barcellona in questi ultimi anni, occorreva offrire un tributo postale al calcio spagnolo che risulta essere indubbiamente quello più spettacolare e vincente al momento attuale. A questo proposito i giocatori più rappresentativi del calcio spagnolo sono stati sapientemente ritratti in questi 10 francobolli da 0,80 € tenendo conto di alcuni eventi importanti e significativi che hanno dato lustro a tutto lo sport iberico per più di un secolo. Il foglietto che racconta la storia più recente e probabilmente più conosciuta della selezione spagnola pone in risalto personalità importanti come Iniesta e Torres e i successi guadagnati sul campo alle Olimpiadi di Barcellona del 1992, nel campionato europeo del 2008 e infine nei mondiali sudafricani del 2010. Ma è sicuramente più interessante ripercorrere la storia dei primi 70 anni dove furono poste solide basi affinchè la Spagna potesse diventare l’attuale detentrice dei titoli europeo e mondiale.

Il primo francobollo presenta i felici anni ’20 con Pichichi, il soprannome attribuito al calciatore basco dell’Athletic Bilbao Rafael Moreno Aranzadi che portò la selecciòn ad aggiudicarsi la medaglia d’argento ai Giochi Olimpici del 1920 che si svolsero in Belgio. In suo onore ogni anno viene conferito il “Premio Pichichi” al miglior cannoniere della Liga spagnola e l’ultimo giocatore che si è aggiudicato questo trofeo è stato il portoghese Cristiano Ronaldo del Real Madrid.

L’esemplare relativo agli anni ’30 mostra il grande portiere catalano Ricardo Zamora, una leggenda del calcio spagnolo, imbattuto per ben 21 partite giocate con la nazionale, anch’egli presente nella rosa che partecipò alle Olimpiadi di Anversa del 1920. In suo onore venne istituito il “Trofeo Zamora” che ogni anno viene assegnato al miglior portiere della massima divisione spagnola.

Il valore relativo agli anni ’40 presenta il formidabile attaccante basco Zarra, bandiera dell’Atletico Bilbao, 20 presenze in nazionale e quarto ai mondiali brasiliani del 1950 dove segnò 4 gol. In suo onore il “Trofeo Zarra” viene conferito ogni anno al miglior marcatore spagnolo del campionato.

Il francobollo una excelente delantera ricorda i gloriosi anni ’50 con cinque giocatori che hanno fatto la storia del calcio mondiale: Miguel, forte attaccante dell’Atletico Madrid, giocò nella selecciòn 16 incontri. Kubala, di origine slovacca e nato a Budapest, fuggì dall’Ungheria comunista e dopo una breve parentesi italiana si trasferì nella Spagna di Franco dove ottenne la nazionalità giocando per molti anni nel Barcellona. Grande giocatore, realizzatore di tanti gol nelle file degli azul-grana, dal 1953 vestì la casacca rossa della selecciòn delle furie rosse. Alfredo di Stefano, il prodigioso attaccante italo-argentino naturalizzato spagnolo, la bandiera del Real Madrid con oltre 300 gol realizzati, giocò anche con la selecciòn dal 1957. Luisito Suarez, il forte centrocampista del Barcellona e dell’Inter di Helenio Herrera, vincitore di numerosi titoli, con la nazionale vinse i campionati europei del 1964 battendo in finale l’Unione Sovietica. Infine Francisco Gento, leggendario centrocampista del Real Madrid vincitore di ben 6 coppe dei campioni, 43 presenze nella selecciòn.

Il valore degli anni ’60 mostra un celebre gol di Marcelino, forte attaccante del Real Saragozza, vincitore degli europei spagnoli del 1964 dove nella finale di Madrid contro l’URSS segnò di testa la rete decisiva per la conquista del titolo.

L’ALHAMBRA DI GRANADA IN UN FOGLIETTO

Il complesso monumentale dell’Alhambra, il Palazzo di Generalife e il quartiere di Albayzin a Granada, in Andalusia, sono stati ormai da molti anni classificati dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità. L’amministrazione postale spagnola ha dedicato un foglietto che illustra un interno finemente e riccamente decorato dell’Alhambra, al centro è presente il francobollo circolare che riproduce la moneta commemorativa da 2 euro del 2011 con una rappresentazione del Cortile e della Fontana dei Leoni composta da 12 leoni marmorei che reggono una vasca dodecagonale.

L’ Alhambra è situata su una collina ed è una vera e propria cittadella fortificata indipendente da Granada che aveva al suo interno un complesso di scuole, moschee, botteghe, palazzi residenziali ecc… Il nucleo originario della Fortezza Rossa risale al XIII sec. per opera del primo sultano nasride Muhammad ibn Nasr, sovrano di Granada dal 1238, ma è soprattutto nel XIV sec. che il complesso palaziale andaluso ebbe un ampliamento e un completamento dal punto di vista architettonico e decorativo. Nel 1492 Granada fu riconquistata dai Re Cattolici e l’Alhambra divenne la residenza reale dei re castigliani. Il palazzo di Generalife era invece la residenza estiva dei sultani nasridi granadini poco distante dall’Alhambra e risalente al XIV sec., mentre il vecchio quartiere arabo di Albayzin è posto su una collina della città di fronte all’Alhambra.

 Partimonio mondiale   Alhambra  de Granada

 Data di emissione: 12 maggio 2011

Stampa: calcografia e offset

Dentellatura: 13 ½ circolare

Dimensioni: 104,5 x 150 mm (foglietto)

Valore facciale: 2 €

Tiratura: 280.000

CONSUMO RESPONSABILE E RICICLAGGIO DEI RIFIUTI

La posta spagnola ha emesso due francobolli relativi al tema valori civici e incentrati su due argomenti di grande attualità, il riciclaggio e il consumo responsabile.

Valori civici

11-02-2010

SPAGNA

Formato:   40,9 x 28,8 mm.

Metodo di stampa:   offset.

Autore:   Studio Jesus Sanchez.

Tematica:   valore civico.

Valore in euro:   1,00 (riciclaggio); 2,00 (consumo).

 

Il riciclaggio dei rifiuti risulta indispensabile perché offre la possibilità di recuperare materiali di scarto per riutilizzarli in un ciclo continuo e virtuoso. Tutto questo comporta dei vantaggi straordinari per la tutela dell’ambiente e la razionalizzazione della gestione dei rifiuti. Riciclare significa ridurre la quantità dei nostri rifiuti in un pianeta dove la crescita esponenziale della popolazione comporta il drastico accumulo di scarti da smaltire. Riciclare significa prevenire lo spreco e il consumismo indiscriminato, significa ridurre il consumo di materie prime con la conseguente riduzione dello spreco energetico e dell’emissione di gas serra. In questi ultimi anni il tema del riciclaggio e della raccolta differenziata è diventato centrale poiché è ormai generalizzata la convinzione che le discariche e gli inceneritori non possono da soli risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti. In questo contesto è importante sensibilizzare ed educare le persone, i consumatori, i produttori alla prevenzione, al riciclaggio, all’uso di materiali biodegradabili e al graduale abbandono di materiali e imballaggi inquinanti. Legno, vetro, carta, cartone, plastica, alluminio, gomma, tessuti, materiale organico sono tutti materiali riciclabili che possono essere raccolti separatamente e rielaborati per un nuovo utilizzo. Spetta ai governi dei vari paesi incentivare ed incoraggiare la pratica del riciclaggio e della raccolta differenziata, ma al momento la maggioranza di essi sono lontani dai parametri ottimali per un’efficace pratica delle tecniche di riciclaggio. Per evitare che il nostro pianeta diventi un immenso deposito di pattumiera a cielo aperto, sarà sempre più indispensabile applicare una normativa ferrea e risolutiva su tale questione affinché il riciclaggio dei rifiuti diventi una politica prioritaria in molti paesi per la salvaguardia dell’ambiente che ci circonda.

 

Il consumo responsabile si lega strettamente al tema del riciclaggio dei rifiuti: limitare i consumi e gli sprechi, rispettare l’ambiente, cambiare le abitudini sono tutti aspetti determinanti il cosiddetto consumo critico. Il consumatore critico e responsabile è colui che prende coscienza del problema e decide consapevolmente di limitare il consumo eccessivo e di scegliere sul mercato solo i prodotti che offrono garanzie in termini di tutela ambientale e di rispetto dei diritti dei lavoratori e dei problemi del Sud del mondo. In altre parole si tratta di boicottare la produzione di quelle multinazionali che non hanno scrupoli ad inquinare l’ambiente, a finanziare il traffico di armi e i governi dispotici e corrotti, a sfruttare la manodopera del terzo mondo, ad utilizzare OGM e ingredienti insalubri al fine di realizzare ingenti e facili profitti.

Soggetto:   il francobollo dedicato al riciclaggio invita i consumatori con un laconico ricicla: l’oggetto in questione è ovviamente la carta della corrispondenza con in evidenza le tre frecce del simbolo internazionale per i materiali riciclabili. L’esemplare dedicato al consumo responsabile è caratterizzato da una carta di credito chiusa in un barattolo di vetro con un lucchetto e la frase metti un tappo al consumo.

Considerazioni:   esemplari semplici e diretti che rendono immediatamente comprensibile il messaggio che si intende trasmettere. Un plauso all’amministrazione postale spagnola per questa lodevole emissione.

Sul tema della tutela ambientale vedere anche   http://filateliastamp.altervista.org/?p=80

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License. Protected by Copyscape Online Plagiarism Tool Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale o una testata giornalistica, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita.

filateliastamp è pubblicato sotto una licenza Creative Commons. E' vietato copiare gli articoli su altri siti o blog. E' ammessa la citazione parziale dei testi a condizione di attribuire e linkare la fonte a filateliastamp.

L'autore non si dichiara responsabile dei commenti lasciati nel blog dai vari visitatori. I commenti dal contenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi. I contenuti nei commenti e nei post non costituiscono dei pareri di consulenza professionale in quanto l'autore scrive a titolo personale in base ai propri studi, alle proprie ricerche ed analisi, alla propria esperienza.